Login
Password

Password dimenticata? Nuovo cliente?
Collaboration
Eldorado Jewels
NaturalBioCard
NaturalSal
BeeTuned
Oasi Leonardo
Uomo
Gioielli e Orologi
Scarpe
Accessori
Abbigliamento
Beauty
Donna
Makeup & Beauty
Gioielli e Orologi
Scarpe
Accessori
Abbigliamento
Bambini
Giocattoli
Abbigliamento
Scarpe
Accessori
Casa
Tessile
Tavola e Cucina
Homework
Mobili
Complementi
Outdoor
Ufficio / Scuola
Tempo libero
Libri
Valigeria e Viaggio
Sport
Adidas
Avengers
Beetuned
Bershka
Bestway
Bialetti
Bikkembergs
Calvin Klein
Calzedonia
Chanel
Chicco
Chronostar
Clp
Cluse
Collistar
Compressport
Covim
Cressi
Daniel Wellington
Daunex
Diadora
Disney
e-Shop
Even&Odd
Excelsa
Ferrari
Fisher Price
Foppapedretti
Furla
Gap
Giochi Preziosi
Guam
Guess
Handpresso
Havaianas
InLegnoWoodDesign
Intex
Kartell
L'Erbolario
Lagostina
Lampe Berger
Lego
Love Moschino
Lucien Rochat
Mango
Maserati
Mattel
Michael Kors
Mondadori
morellato
NaturalSal
Nike
Oasi Leonardo
Outsunny
Pandora
Papertrophy
Pier One
Pollini
Ray-Ban
Samsonite
Sansone
Saucony
Songmics
The North Face
Trollbeads
Up on
Vallardi
Vans
Vidaxl
Uso dei cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Ulteriori informazioni sui cookie
Come eliminare i cookie



   La notizia   


Storia della bicicletta: era il 26 giugno 1819 quando venne depositato il primo brevetto


Nel corso della storia, numerosi furono i tentativi di risolvere il problema degli spostamenti quotidiani: il primo di questi si attribuisce agli antichi cinesi che già nel 206 a.C. pare avessero costruito un rudimentale veicolo a due ruote, fatto di legno e bambù, sul quale il conducente si sedeva dopo avergli dato una buona spinta; altri sostengono invece che la storia della bicicletta nasca con Leonardo da Vinci, nel cui Codice Atlantico è inserito uno schizzo di velocipede – datato intorno al 1493 – con sella sull’asse posteriore, ruote di uguale grandezza, trasmissione a catena e demoltiplica (tecnologia che verrà introdotta solo intorno al 1885). Un disegno eccezionale, ma che purtroppo è  rimasto segreto per oltre 500 anni e la cui paternità  non è mai stata  provata, facendo ancora discutere gli studiosi.

La successiva apparizione di un mezzo simile alla nostra odierna bicicletta risale al 1791, a Parigi, dove nacque il Celerifero,  una specie di monopattino con due ruote uguali, un asse di legno longitudinale che fungeva anche da sella, senza sterzo e spinto con i piedi (entrambi contemporaneamente o a colpi alternati). La sua invenzione è stata attribuita al Conte Mede de Sivrac, che però non la brevettò, lasciando così che numerosi artigiani vi apportassero le più bizzarre “migliorie” rendendola simile a quei modelli che ancor oggi si vedono nelle giostre. Nonostante, o grazie, alla galoppante fantasia di quest’ultimi il Célerifère, ribattezzato poi Vélocifère (1793), divenne molto popolare a Parigi, soprattutto come curiosità e passatempo per adulti.

“Le crisi generano grandi opportunità” recita un famoso motto, ci spostiamo così nella Germania nel 1816, reduce da due stagioni devastanti per i raccolti: ebbene quella fu la grande opportunità della bicicletta. Il suo inventore, Karl Drais (per la precisione, il barone Karl Christian Ludwig von Drais de Sauerbrun, prima che rinunciasse al titolo in nome della democrazia) nacque a Karlsruhe, una grande città della Germania sud-occidentale, nel 1785. Studiò architettura, fisica e agricoltura a Heidelberg. Finiti gli studi, lo avrebbe atteso una carriera nel corpo forestale, ma a soli 26 anni Drais, già stufo di quella vita, cominciò a dedicarsi alla sua vera passione, quella dell’inventore! Quando, nel 1815, il vulcano indonesiano Tambora si mise a fumare, l’Europa andò incontro a un’estate (quella dell’anno successico) particolarmente rigida: in Germania nevicò copiosamente, i raccolti di avena andarono perduti e nei mesi successi i cavalli vennero lasciati morire di fame. Drais realizzò quindi il suo cavallo meccanico, brevettandolo il 17 febbraio 1818 con il nome di Laufmaschine (macchina da corsa): un veicolo a due ruote (di uguale grandezza e disposte in asse), provvisto di sella imbottita e un manubrio per sterzare montato nella parte anteriore, ma privo di pedali, freno e trasmissione a catena. Adesso si poteva cambiare direzione, ma non ancora sollevare i piedi da terra, tanto che il suo funzionamento si avvicinava più a quello di un monopattino piuttosto di una bicicletta come la intendiamo noi moderni. Nonostante ciò, la Laufmaschine di Drais è considerata il suo primo vero antenato.

La prima prova su strada avvenne il 12 giugno 1817; migliore prestazione: 14,5 chilometri orari. Non solo siamo lontani dalle performance dei cavalli ma, al momento di mettere il veicolo in commercio, la produzione di avena era in ripresa e il suo prezzo dimezzato. Una vera sfortuna per la Draisina (come la ribattezzarono i francesi), che, ancora una volta, divenne un bizzarro, sofisticato giocattolo per gli aristocratici. In Inghilterra, dove ebbe maggiore successo, la draisienne venne chiamata hobbyhorse o dandyhorse (cavallino), e proprio qui, Dennis Johnson ottenne nel 1819, a nome di Drais, brevetti sulla sua invenzione: ne progettò quindi una versione da donna e una in ferro, migliorando il supporto dell’asse dello sterzo. Diminuendone l’attrito, il meccanismo di sterzo poteva anche servire a mantenere il veicolo in equilibrio e, teoricamente, consentire al ciclista di sollevare i piedi da terra potendo mantenersi in equilibrio con la sola manovra dello sterzo.

Nel corso degli anni furono poi innumerevoli i tentativi di migliorarne stabilità e prestazioni: nel 1861, dieci anni dopo la morte di Drais, il francese Ernest Michaux aggiunse i pedali e, qualche anno più tardi, i freni; nel 1869 gli inglesi James Starley e William Hillman inventarono la nota versione della bicicletta con un’enorme ruota anteriore e una molto piccola posteriore; nel 1879 si ritorna poi al modello originario grazie a Harry John Lawson, che aggiunse anche la trasmissione a catena; nel 1885 Gottlieb Daimler creò la prima bicicletta a motore e, sempre negli anni Ottanta, John Dunlop, Édouard Michelin e Giovanni Battista Pirelli ne migliorano le prestazioni delle gomme.
 

Vai al sito:

www.nidalinastore.com



Nidalina consiglia


Stivaletti con disegni oro
127.00 €


Borsa a tracolla
281.00 €
Set tavolo e sedie ferro/mosaico in ceramica elba
237.00 €


Tapis roulant magnetico
252.00 €
Bavaglino smoking
22.00 €


Tovaglia in 100% cotone 140x240
22.00 €
Sneakers basse
188.00 €


Piumino St Moritz siberiano light
404.00 €
Notizie
Tutte le notizie
Perché il costume a due pezzi si chiama
Il termine si rifà all’atollo Bikini...
C'erano una volta cento ragazze che hann
Storie della buonanotte per bambine ribe...
Marie Kondo e il magico potere del riord
Per chi ancora non la conoscesse, Marie ...
Storia della bicicletta: era il 26 giugn
Nel corso della storia, numerosi furono ...
Birkin batte Birkin, la borsa iconica di
La borsa più costosa del mondo è stata...
Il “fidget spinner”, la trottola ant
I fidget spinner, quella specie di trott...
Si declina ogni responsabilità per eventuali problemi che possano scaturire da informazioni non corrette o obsolete riportate sulle pagine del sito www.nidalinastore.com e non intende violare alcuna legge sui copyright. Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione della legge, si prega di comunicarcelo e previa verifica, provvederemo alla sua rimozione.

Copyright © 2018 COMELET SRL | Via Europa, 4 Vedano al Lambro (MB) | P.IVA 03233470966